eutanasialegale

Lunedì, 8 Maggio, 2017 - 12:29
Radicali Italiani ribadisce il sostegno alla campagna Eutanasia Legale
Concluso il Comitato Nazionale del movimento politico Radicali Italiani, da sempre tra i principali promotori di una legalizzazione dell'eutanasia e una piena regolamentazione legale del testamento biologico. Nella mozione approvata, si ribadisce l'impegno su questo fronte.

Radicali Italiani ribadisce il sostegno alla campagna Eutanasia Legale

Si è conclusa nella giornata di ieri a Parma, la tre giorni del Comitato Nazionale di Radicali Italiani, il movimento politico a cui aderì Piergiorgio Welby per iniziare la propria battaglia per la legalizzazione dell'eutanasia. Tra i partecipanti, esponenti di rilievo della politica nazionale, da Emma Bonino a Riccardo Magi, Marco Cappato, Federico Pizzarotti e Benedetto Della Vedova.
 
Nel documento finale grande spazio al lancio dell'iniziativa popolare "Ero straniero", volta a riformare radicalmente la normativa sull'immigrazione superando la legge Bossi-Fini attraverso la creazione di canali legali di ingresso, ma altrettanto centrale risulta il lancio di una campagna cara a chiunque, già con il Comitato Eutanasia Legale, raccolse firme per depositare la proposta di legge alla Camera, ossia l'avvio di una nuova raccolta firme per una proposta volta a semplificare e modernizzare lo strumento di partecipazione popolare. Non solo, nella mozione approvata si legge:
 
"Il Comitato esprime soddisfazione per l'approvazione, da parte della Camera, del progetto di legge in materia di testamento biologico, che pur con i suoi limiti costituisce un primo passo nella direzione del riconoscimento della libertà di scelta degli individui ed esprime pieno sostegno alle azioni di disobbedienza civile messe in atto da Marco Cappato, Mina Welby e Gustavo Fraticelli".
 
Il Comitato Eutanasia Legale non può che ringraziare ancora una volta il movimento Radicali Italiani, le sue associazioni territoriali e i suoi militanti locali per il sostegno fondamentale ricevuto in tutti questi anni.