eutanasialegale

Giovedì, 6 Luglio, 2017 - 14:33
In Senato a rischio il #BioTestamento. Tra 7 giorni decisione su Fabo
I Capigruppo in Senato calendarizzano la legge a pochi giorni dalla pausa estiva. Tra 7 giorni la decisione su Cappato e l'aiuto dato a Dj Fabo. Mina Welby lancia un appello. Matteo Mainardi ci racconta cosa si muove in Parlamento sul testamento biologico.

In Senato a rischio il #BioTestamento. Tra 7 giorni decisione su Fabo

REGISTRATI ALLA NEWSLETTER SUGLI AGGIORNAMENTI PARLAMENTARI CLICCANDO QUI!

Ancora problemi in Senato per la legge sul testamento biologico. Nel faticoso iter di Palazzo Madama, la legge è rimasta incagliata per oltre due mesi in Commissione Igiene e Sanità, vittima dell'ostruzionismo dei pochi contrari. Ed ancora lì giace, sottoposta ora a circa 3000 proposte di emendamenti

Se soluzione per velocizzare il percorso della legge poteva esserci - la presidente De Biasi (PD), di fronte all'impossibilità di lavorarci in Commissione, avrebbe potuto inviare il testo direttamente in Aula senza relatore - la conferenza dei Capigruppo di martedì 4 luglio ha fatto sfumare anche questa ipotesi, rendendola ora doverosa ma rimandandola di settimane.

E' stato infatti deciso di calendarizzare in Aula la discussione sul testamento biologico per il 25 luglio, senza prevedere dunque un tempo congruo per l'approvazione prima della pausa estiva. Questo ha prodotto, probabilmente per seguire i lavori d'Aula, la sconvocazione delle sedute di dibattito generale sugli emendamenti in Commissione Igiene e Sanità.

Marco Cappato, uno dei più efficaci promotori di una legge sul fine vita, ha dichiarato che una discussione così tardiva "non può che avere un unico obiettivo: far saltare la legge anche per questa legislatura".

Migliaia di cittadini nel frattempo stanno aderendo all'appello di Mina Welby, che con l'aiuto dell'Associazione Luca Coscioni si rivolge ai Capigruppo del Senato: "Se il testo non fosse approvato in breve tempo, visto l'arrivo dell'estate e l'imminente fine della legislatura, rischieremo di non avere alcuna legge. I pazienti che non hanno alle spalle una famiglia abbiente che non può permettersi di ricorrere a un giudice, continuerebbero a non essere ascoltati; allo stesso tempo i medici continuerebbero a non essere tutelati nel loro rispetto delle volontà del paziente. Un intollerabile nulla di fatto a undici anni dal caso di Piergiorgio Welby e a otto anni da quello di Eluana Englaro".

Allo stesso tempo è stato lanciato un mail e social bombing verso i senatori sul sito della campagna Eutanasia Legale.

Fuori dal Parlamento continua invece la vicenda Dj Fabo. Entro una settimana si saprà se l'indagine su Marco Cappato - accusato di aiuto al suicidio per aver accompagnato in Svizzera Fabiano - sarà archiviata o meno, oppure se gli atti verranno trasmessi alla Consulta affinché si pronunci sull'eccezione di legittimità costituzionale, sollevata da Procura e difesa, dell'articolo 580 del codice penale, quello appunto relativo all'istigazione o all'aiuto al suicidio.

RILEGGI TUTTI I PRECEDENTI RESOCONTI DELLE SEDUTE PARLAMENTARI