07.01.2015

Hugh Grant tra i firmatari per la legalizzazione dell’eutanasia

Hugh Grant tra i firmatari per la legalizzazione dell’eutanasia

In Gran Bretagna ottanta personalità si sono ritrovate per un appello a favore della legalizzazione dell’eutanasia.

Hugh Grant e l’ex arcivescovo di Canterbury, Lord Carey, sono fra gli 80 firmatari di un appello in favore dell’eutanasia e della "dolce morte" in Gran Bretagna. Nella lettera aperta pubblicata dal Daily Telegraph, personalità del mondo civile, dello spettacolo e delle istituzioni chiedono al Parlamento britannico di supportare il disegno di legge di Lord Falconer che ha l’obiettivo di legalizzare e regolamentare, nel Regno Unito, la morte assistita per i malati terminali che intendano porre fine alla propria esistenza. Il disegno di legge ha ancora molti passaggi da superare e, considerando che ormai rimangono solo cinque mesi prima di nuove elezioni, toccherà sicuramente al prossimo esecutivo il compito di far approvare – o rigettare – quella che al momento è solo una bozza. Secondo le stime, ogni due settimane almeno un cittadino britannico compie l’ultimo viaggio verso la Svizzera, per essere supportato da Dignitas, l’associazione per il suicidio assistito. Sempre secondo le stime, ogni due settimane almeno 10 britannici si tolgono la vita per non dover far fronte a terribili malattie.

Ultimi articoli