12.12.2018

Ritardi sul BioTestamento: Magi (+Europa) interroga la Ministra Grillo

Ritardi sul BioTestamento: Magi (+Europa) interroga la Ministra Grillo

A seguito della lettera inviata alla Ministra Grillo nei giorni scorsi da Mina Welby, Carlo Troilo, Beppino Englaro, Gina Brunori, Monica Coscioni, Andrea Curiazi, Francesco Lizzani, Chiara Rapaccini e Maddalena Soro, il deputato radicale Riccardo Magi (eletto nelle liste di +Europa e aderente all’intergruppo per le scelte di fine vita) ha presentato un’interrogazione a risposta scritta al Ministero della Salute.

Sono infatti scaduti lo scorso 30 giugno i termini per l’emanazione del decreto “per istituire uno strumento, la banca dati nazionale, peraltro già finanziato con 2 milioni di euro e frutto di una battaglia personale, spesso dolorosa, di tante persone che vorrebbero semplicemente veder rispettate le proprie volontà in materia di fine vita”, ha dichiarato Magi in una nota.

Nella sua interrogazione leggiamo che “per la realizzazione della banca dati, il Ministero della salute ha istituito […] un gruppo di lavoro comprendente rappresentanti del Ministero, delle regioni e dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali” e sappiamo “che la bozza di decreto elaborata […] è stata condivisa proprio negli scorsi giorni con i principali stakeholder istituzionali, ai quali è stato richiesto di fornire in tempi brevi le loro eventuali osservazioni”. Data la necessità e urgenza della Banca dati nazionale per garantire l’effettiva disponibilità di un diritto quale quello a poter decidere sulla propria vita e quindi sul proprio fine vita, Magi chiede “quale sia lo stato di avanzamento dell’iter relativo al decreto istitutivo della banca dati destinata alla registrazione delle Disposizioni anticipate di trattamento ed entro quale data sarà emanato”.

Attendiamo risposte dal Ministero.

Il 19 dicembre, partecipa insieme a noi alla “Camminata Welby”.
Appuntamento alle 18 in Piazza Barberini (fronte Hotel Bernini) per poi marciare in fila indiana, sul marciapiede, in un percorso simbolico che ci farà passare per la Corte costituzionale. Dalle 19 alle 21 saremo davanti a Montecitorio per un presidio.

Ultimi articoli