18.12.2015

2006-2015: la battaglia per l’eutanasia legale continua

 

Solo insieme alla nostra Associazione il co-presidente Piergiorgio Welby ottenne l’aiuto di un medico per distaccare il respiratore, diventando il primo caso in Italia di suicidio assistito nel rispetto della Costituzione.

Da allora, fino al 2015, anno in cui fu realizzato questo video, sempre più Comuni italiani approvarono registri per i testamenti biologici dei propri cittadini, si costituì un intergruppo parlamentare per le scelte di fine vita e si mobilitò anche il presidente della Repubblica Napolitano.

Per permettere a ogni persona di scegliere come vivere la propria malattia, abbiamo depositato in Parlamento una proposta di legge per l’eutanasia e per il testamento biologico sottoscritta da oltre 130.000 italiani ai tavoli, nei Comuni e sul sito eutanasialegale.it.

Se condividi i nostri obiettivi e i nostri metodi per conquistare un nuovo diritto umano e civile, sostieni anche tu l’Associazione Luca Coscioni. Dal corpo dei malati, al cuore della politica.